fontana edizioni
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
product
Fontana Edizioni
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
product
In offerta!
Home / Storia / L’antico borgo di Lugano nella storia e nella giustizia

L’antico borgo di Lugano nella storia e nella giustizia

In offerta!

CHF 29,00

“L’antico borgo di Lugano nella storia e nella giustizia” permette a Diego Luraschi di riunire ulteriori elementi, accanto a quelli che hanno costituito il suo costante impegno documentativo, sulla “luganesità”, ma non solo su quella. Spaziando dunque sul “Ticino di un tempo”, sui suoi personaggi, sul suo decorso storico attraverso le varie epoche. Fotografie e stampe costituiscono anche qui l’elemento trainante, con il “valore aggiunto” di testi che descrivono anche situazioni a ridosso del medioevo e della successiva presenza dei lanfogti alle nostre latitudini. Proprio quando il dominio dei Cantoni sovrani si estese, dopo la vittoria nella battaglia di Giornico, sull’arco di ben tre secoli. Il Ticino dei baliaggi e in particolare il Luganese (sebbene al riparo dei grandi eventi bellici che caratterizzarono il periodo dal 1500 al 1800) beneficiarono di in una sorta di “pax” confederale: non senza i momenti drammatici, che andavano dalla caccia alle streghe fino alle esecuzioni pubbliche cruente, come le decapitazioni di veri o presunti delinquenti. Ecco, anche qui Luraschi ha scovato materiale interessante, che mette a disposizione del vasto pubblico, senza comunque la pretesa di rigore storico, ma sempre nello spirito documentativo che già ha caratterizzato le sue precedenti pubblicazioni.

"L'antico borgo di Lugano nella storia e nella giustizia" permette a Diego Luraschi di riunire ulteriori elementi, accanto a quelli che hanno costituito il suo costante impegno documentativo, sulla "luganesità", ma non solo su quella. Spaziando dunque sul "Ticino di un tempo", sui suoi personaggi, sul suo decorso storico attraverso le varie epoche. Fotografie e stampe costituiscono anche qui l'elemento trainante, con il "valore aggiunto" di testi che descrivono anche situazioni a ridosso del medioevo e della successiva presenza dei lanfogti alle nostre latitudini. Proprio quando il dominio dei Cantoni sovrani si estese, dopo la vittoria nella battaglia di Giornico, sull'arco di ben tre secoli. Il Ticino dei baliaggi e in particolare il Luganese (sebbene al riparo dei grandi eventi bellici che caratterizzarono il periodo dal 1500 al 1800) beneficiarono di in una sorta di "pax" confederale: non senza i momenti drammatici, che andavano dalla caccia alle streghe fino alle esecuzioni pubbliche cruente, come le decapitazioni di veri o presunti delinquenti. Ecco, anche qui Luraschi ha scovato materiale interessante, che mette a disposizione del vasto pubblico, senza comunque la pretesa di rigore storico, ma sempre nello spirito documentativo che già ha caratterizzato le sue precedenti pubblicazioni.

Informazioni aggiuntive

Peso 1300 g
Dimensioni 30 × 24 cm
Autore

Copertina

Cartonata con sovracoperta

Formato

24x30cm

Lingua

Italiano

Codice articolo

FE213

ISBN

978-88-8191-258-2

Pagine

152

Informazioni prodotto

Informazioni aggiuntive

Peso 1300 g
Dimensioni 30 × 24 cm
Autore

Copertina

Cartonata con sovracoperta

Formato

24x30cm

Lingua

Italiano

Codice articolo

FE213

ISBN

978-88-8191-258-2

Pagine

152

CHF 29,00

"L'antico borgo di Lugano nella storia e nella giustizia" permette a Diego Luraschi di riunire ulteriori elementi, accanto a quelli che hanno costituito il suo costante impegno documentativo, sulla "luganesità", ma non solo su quella. Spaziando dunque sul "Ticino di un tempo", sui suoi personaggi, sul suo decorso storico attraverso le varie epoche. Fotografie e stampe costituiscono anche qui l'elemento trainante, con il "valore aggiunto" di testi che descrivono anche situazioni a ridosso del medioevo e della successiva presenza dei lanfogti alle nostre latitudini. Proprio quando il dominio dei Cantoni sovrani si estese, dopo la vittoria nella battaglia di Giornico, sull'arco di ben tre secoli. Il Ticino dei baliaggi e in particolare il Luganese (sebbene al riparo dei grandi eventi bellici che caratterizzarono il periodo dal 1500 al 1800) beneficiarono di in una sorta di "pax" confederale: non senza i momenti drammatici, che andavano dalla caccia alle streghe fino alle esecuzioni pubbliche cruente, come le decapitazioni di veri o presunti delinquenti. Ecco, anche qui Luraschi ha scovato materiale interessante, che mette a disposizione del vasto pubblico, senza comunque la pretesa di rigore storico, ma sempre nello spirito documentativo che già ha caratterizzato le sue precedenti pubblicazioni.

Informazioni aggiuntive

Peso 1300 g
Dimensioni 30 × 24 cm
Autore

Copertina

Cartonata con sovracoperta

Formato

24x30cm

Lingua

Italiano

Codice articolo

FE213

ISBN

978-88-8191-258-2

Pagine

152

Informazioni aggiuntive

Peso 1300 g
Dimensioni 30 × 24 cm
Autore

Copertina

Cartonata con sovracoperta

Formato

24x30cm

Lingua

Italiano

Codice articolo

FE213

ISBN

978-88-8191-258-2

Pagine

152

Descrizione

“L’antico borgo di Lugano nella storia e nella giustizia” permette a Diego Luraschi di riunire ulteriori elementi, accanto a quelli che hanno costituito il suo costante impegno documentativo, sulla “luganesità”, ma non solo su quella. Spaziando dunque sul “Ticino di un tempo”, sui suoi personaggi, sul suo decorso storico attraverso le varie epoche. Fotografie e stampe costituiscono anche qui l’elemento trainante, con il “valore aggiunto” di testi che descrivono anche situazioni a ridosso del medioevo e della successiva presenza dei lanfogti alle nostre latitudini. Proprio quando il dominio dei Cantoni sovrani si estese, dopo la vittoria nella battaglia di Giornico, sull’arco di ben tre secoli. Il Ticino dei baliaggi e in particolare il Luganese (sebbene al riparo dei grandi eventi bellici che caratterizzarono il periodo dal 1500 al 1800) beneficiarono di in una sorta di “pax” confederale: non senza i momenti drammatici, che andavano dalla caccia alle streghe fino alle esecuzioni pubbliche cruente, come le decapitazioni di veri o presunti delinquenti. Ecco, anche qui Luraschi ha scovato materiale interessante, che mette a disposizione del vasto pubblico, senza comunque la pretesa di rigore storico, ma sempre nello spirito documentativo che già ha caratterizzato le sue precedenti pubblicazioni.