fontana edizioni
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
product
Fontana Edizioni
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
product
Home / Bambini e ragazzi / Orsetto Poliziotto di Locarno in missione speciale

Orsetto Poliziotto di Locarno in missione speciale

CHF 19,00

L’idea di polizia di prossimità trova piena realizzazione in questo libro, che ci presenta una simpatica mascotte di nome Giò, un orsetto il cui carattere viene descritto così: dolce, tenero, allegro e curioso. L’idea è nata all’interno del corpo di polizia della città di Locarno per far capire come i compiti della struttura non siano solo di tipo repressivo, ma anche di assicurare vicinanza alla popolazione, ad ogni singolo individuo, di qualsiasi età. L’orsetto poliziotto è molto attento a ciò che lo circonda, sa ascoltare con pazienza ed empatia le persone che incontra e che si trovano in difficoltà. Soprattutto quelle che appartengono alle fasce più deboli e sensibili: i bambini e gli anziani. Nel libro vengono raccontate alcune delle missioni che lo vedono impegnato accanto ai colleghi. Eh sì, perché Giò non è solo una mascotte, ma è un vero e proprio agente. E come tale gira in auto accanto ai poliziotti per le vie della città sul Verbano e con occhi attenti e spirito vigile, collabora dando soprattutto tenerezza e ascolto a chi è in difficoltà. Una bambina che si è persa, una signora anziana che soffre di solitudine, per esempio. Oltre che in auto, vediamo Giò alla centrale davanti ai molti schermi che trasmettono le immagini captate dal centinaio di telecamere piazzate in ogni angolo di Locarno. Immagini che danno in tempo reale l’idea di quanto succede in città e consentono interventi tempestivi ed efficaci. Alla fine del libro una pagina bianca sulla quale i lettori sono invitati ad esprimere al corpo di polizia i loro desideri in tema di sicurezza, prossimità, efficacia…

L’idea di polizia di prossimità trova piena realizzazione in questo libro, che ci presenta una simpatica mascotte di nome Giò, un orsetto il cui carattere viene descritto così: dolce, tenero, allegro e curioso. L’idea è nata all’interno del corpo di polizia della città di Locarno per far capire come i compiti della struttura non siano solo di tipo repressivo, ma anche di assicurare vicinanza alla popolazione, ad ogni singolo individuo, di qualsiasi età. L’orsetto poliziotto è molto attento a ciò che lo circonda, sa ascoltare con pazienza ed empatia le persone che incontra e che si trovano in difficoltà. Soprattutto quelle che appartengono alle fasce più deboli e sensibili: i bambini e gli anziani. Nel libro vengono raccontate alcune delle missioni che lo vedono impegnato accanto ai colleghi. Eh sì, perché Giò non è solo una mascotte, ma è un vero e proprio agente. E come tale gira in auto accanto ai poliziotti per le vie della città sul Verbano e con occhi attenti e spirito vigile, collabora dando soprattutto tenerezza e ascolto a chi è in difficoltà. Una bambina che si è persa, una signora anziana che soffre di solitudine, per esempio. Oltre che in auto, vediamo Giò alla centrale davanti ai molti schermi che trasmettono le immagini captate dal centinaio di telecamere piazzate in ogni angolo di Locarno. Immagini che danno in tempo reale l’idea di quanto succede in città e consentono interventi tempestivi ed efficaci. Alla fine del libro una pagina bianca sulla quale i lettori sono invitati ad esprimere al corpo di polizia i loro desideri in tema di sicurezza, prossimità, efficacia…

Informazioni aggiuntive

Peso 350 g
Dimensioni 21 × 21 × 1 cm
Autore

Illustrazioni

Copertina

Cartonata

Formato

21x21cm

Lingua

Italiano

Codice articolo

FE571

ISBN

978-88-8191-655-9

Pagine

20

Informazioni prodotto

Informazioni aggiuntive

Peso 350 g
Dimensioni 21 × 21 × 1 cm
Autore

Illustrazioni

Copertina

Cartonata

Formato

21x21cm

Lingua

Italiano

Codice articolo

FE571

ISBN

978-88-8191-655-9

Pagine

20

CHF 19,00

L’idea di polizia di prossimità trova piena realizzazione in questo libro, che ci presenta una simpatica mascotte di nome Giò, un orsetto il cui carattere viene descritto così: dolce, tenero, allegro e curioso. L’idea è nata all’interno del corpo di polizia della città di Locarno per far capire come i compiti della struttura non siano solo di tipo repressivo, ma anche di assicurare vicinanza alla popolazione, ad ogni singolo individuo, di qualsiasi età. L’orsetto poliziotto è molto attento a ciò che lo circonda, sa ascoltare con pazienza ed empatia le persone che incontra e che si trovano in difficoltà. Soprattutto quelle che appartengono alle fasce più deboli e sensibili: i bambini e gli anziani. Nel libro vengono raccontate alcune delle missioni che lo vedono impegnato accanto ai colleghi. Eh sì, perché Giò non è solo una mascotte, ma è un vero e proprio agente. E come tale gira in auto accanto ai poliziotti per le vie della città sul Verbano e con occhi attenti e spirito vigile, collabora dando soprattutto tenerezza e ascolto a chi è in difficoltà. Una bambina che si è persa, una signora anziana che soffre di solitudine, per esempio. Oltre che in auto, vediamo Giò alla centrale davanti ai molti schermi che trasmettono le immagini captate dal centinaio di telecamere piazzate in ogni angolo di Locarno. Immagini che danno in tempo reale l’idea di quanto succede in città e consentono interventi tempestivi ed efficaci. Alla fine del libro una pagina bianca sulla quale i lettori sono invitati ad esprimere al corpo di polizia i loro desideri in tema di sicurezza, prossimità, efficacia…

Informazioni aggiuntive

Peso 350 g
Dimensioni 21 × 21 × 1 cm
Autore

Illustrazioni

Copertina

Cartonata

Formato

21x21cm

Lingua

Italiano

Codice articolo

FE571

ISBN

978-88-8191-655-9

Pagine

20

Informazioni aggiuntive

Peso 350 g
Dimensioni 21 × 21 × 1 cm
Autore

Illustrazioni

Copertina

Cartonata

Formato

21x21cm

Lingua

Italiano

Codice articolo

FE571

ISBN

978-88-8191-655-9

Pagine

20

Descrizione

L’idea di polizia di prossimità trova piena realizzazione in questo libro, che ci presenta una simpatica mascotte di nome Giò, un orsetto il cui carattere viene descritto così: dolce, tenero, allegro e curioso. L’idea è nata all’interno del corpo di polizia della città di Locarno per far capire come i compiti della struttura non siano solo di tipo repressivo, ma anche di assicurare vicinanza alla popolazione, ad ogni singolo individuo, di qualsiasi età. L’orsetto poliziotto è molto attento a ciò che lo circonda, sa ascoltare con pazienza ed empatia le persone che incontra e che si trovano in difficoltà. Soprattutto quelle che appartengono alle fasce più deboli e sensibili: i bambini e gli anziani. Nel libro vengono raccontate alcune delle missioni che lo vedono impegnato accanto ai colleghi. Eh sì, perché Giò non è solo una mascotte, ma è un vero e proprio agente. E come tale gira in auto accanto ai poliziotti per le vie della città sul Verbano e con occhi attenti e spirito vigile, collabora dando soprattutto tenerezza e ascolto a chi è in difficoltà. Una bambina che si è persa, una signora anziana che soffre di solitudine, per esempio. Oltre che in auto, vediamo Giò alla centrale davanti ai molti schermi che trasmettono le immagini captate dal centinaio di telecamere piazzate in ogni angolo di Locarno. Immagini che danno in tempo reale l’idea di quanto succede in città e consentono interventi tempestivi ed efficaci. Alla fine del libro una pagina bianca sulla quale i lettori sono invitati ad esprimere al corpo di polizia i loro desideri in tema di sicurezza, prossimità, efficacia…